Guida al ragazzo hipster: tutto quello da sapere sui complessati

Guida al ragazzo hipster: tutto quello da sapere sui complessati

Chi mi segue dall’anno scorso sa bene quanto amo riflettere sugli aspetti della mia vita o sulle esperienze delle persone a me vicine, specialmente in modo ironico, per alleggerire delle situazioni che troppo spesso viviamo male.

Tra i primi post del mio blog c’è stata la classifica delle varie tipologie di uomini che siamo destinate ad incontrare almeno una volta nella vita. Le mode cambiano e le categorie si incrementano, così che se scrivessi quel post oggi non potrei tralasciare una categoria molto popolare: gli hipster, che io e le mie amiche amiamo definire anche “i complessati”.
Sono persone ambigue, sembrano persi nel loro mondo, ma non fatevi fregare: sono decisamente consapevoli di quello che fanno, nulla è lasciato al caso, tutto è studiato a tavolino, anche se faranno di tutto per farlo passare per naturale/frutto del destino o del caso.
Se avete un dubbio e non siete sicure di avere a che fare con un hipster, leggete qui le loro caratteristiche principali.

  1. Occhio al look. Barboni, giacche improponibili, silhouette oversize, calzini imbarazzanti, capelli volutamente spettinati: sembrano naturali ma vi assicuro che non lo sono, ogni dettaglio è scelto con cura minuziosa, ogni particolare deve rispecchiare la loro personalità, che è fondamentalmente quella del finto naïf.
  2. La comunicazione. L’unico canale che viene utilizzato è la chat, specialmente quella di Facebook o di Skype, perché lasciano ampio margine di gestione: visualizza/non visualizza/entra/esce/sta scrivendo/esce/entra/non risponde, non avete idea di come si divertono a fare questi giochetti, sempre e comunque fingendo di essere puri e ingenuamente distratti.
  3. Il conflitto. Loro hanno un problema sempre e comunque: la vita è una continua disperazione, perché il loro mal de vivre li assale in ogni momento. Raramente sono felici, perché lo considerano quasi un sentimento da snobbare. Volete metter un bel po’ di sana disperazione? Anche quando tutto fila liscio loro sono esperti nel trovare l’unico cavillo negativo a cui appigliarsi, e si tuffano a pieno nel mare di tristezza che ne deriva, perché a loro stare male piace, in un modo che ha quasi del malsano.
  4. Le parole. Vivono tutto con un pathos quasi tragico, anche quando ci provano con voi devono essere esagerati, spingendosi in frasi emotive premature, sempre però calibrando tutto con indifferenza e freddezza per tenervi a debita distanza. Loro sono dei cavalieri erranti e vogliono un amor cortese, quasi platonico, perché nemmeno li tocca l’istinto animale che solitamente contraddistingue il genere maschile. Loro non sono passionali, ma utilizzano razionalmente parole appassionate.
  5. Le uscite. Non aspettatevi di andare in posti qualsiasi, i complessati vi condurranno in location particolari, mostrando la loro conoscenza dei posti ma senza auto esaltarsi per questo: l’obiettivo è stupire ma fingendo di non volerlo fare, mantenendo costantemente la loro allure da hipster.

Sicuramente capiterà a tutte di imbattersi in un tipo così e sicuramente lo troverete decisamente magnetico, ma non c’è pericolo che vi innamoriate di lui: perché non conta quanto si sforzi di risultare affascinante, nulla batte la spontaneità e la purezza di una persona che sinceramente si mostra per quello che è veramente.